Regolamento


GRAN PALIO DI SAN FILADELFO
CARRIERA dei CAVALLI e dei CAVALIERI di ADELAIDE”
Gran Pali d San Frareau
Carriera di Cavei e di Cavaliar d Adilassia
Linee Guida del Gran Palio di San Filadelfo

 

Art. 1

 

Il Gran Palio di San Filadelfo rappresenta la rievocazione storica dell’ingresso del Gran Conte Ruggero, della Nobilissima Aleramica Adelaide del Vasto e dei Cavalieri Lombardi al loro seguito, nella rifondata terra di San Philadelpho. Esso è la manifestazione che valorizza la Storia, la Cultura, la lingua Gallo-Italica di San Fratello ed il Cavallo Sanfratellano, l’ intera manifestazione è patrocinata dal Comune di San Fratello ed organizzata dal Comitato fondatore.

 

Art. 2


Strutturazione dei cortei:
Nel Gran Palio di san Filadelfo sono rappresentati i Soldati Normanni, i Coloni Lombardi, il Gran Conte Ruggero, la Nobilissima Aleramica Adelaide del Vasto e la terra di San Filadelfo, raffigurata dal Condottiero Roberto de’ Caldarera, dai Cavalieri Lombardi e dalle Contrade.

Il corteo del Conte Ruggero è costituito da:


·0 Conte Ruggero
·1 Nobilissima Adelaide del Vasto
·2 Palafranieri del Palio
·3 Tamburi di Guerra Battistrada
·4 Abate Gregorio
·5 Monaci Basiliani
·6 Cavalieri Normanni
·7 Paggetti con Corona e Scettro

Corteo del Quartiere San Nicolò composto da:


·8 Gonfaloniere
·9 Capitano della Contrada a Cavallo
·10 Dama della Contrada a Cavallo
·11 Arti e Mestieri
·12 Allevatori con Giumente e Puledre alla longia
·13 carri, carrette, carriole, ceste, cestoni, panieri, ricostruiti d’epoca
·14 Cavalieri Giostranti

Corteo del quartiere Maria SS. Assunta composto da:


·15 Gonfaloniere
·16 Capitano della Contrada a Cavallo
·17 Dama della Contrada a Cavallo
·18 Arti e Mestieri
·19 Allevatori con Giumente e Puledre alla longia
·20 carri, carrette, carriole, ceste, cestoni, panieri, ricostruiti d’epoca
·21 Cavalieri Giostranti

Corteo del quartiere Maria SS. delle Grazie composto da:


·22 Gonfaloniere
·23 Capitano della Contrada a Cavallo
·24 Dama della Contrada a Cavallo
·25 Arti e Mestieri
·26 Allevatori con Giumente e Puledre alla longia
·27 carri, carrette, carriole, ceste, cestoni, panieri, ricostruiti d’epoca
·28 Cavalieri Giostranti

Corteo del quartiere San Benedetto composto da:


·29 Gonfaloniere
·30 Capitano della Contrada a Cavallo
·31 Dama della Contrada a Cavallo
·32 Arti e Mestieri
·33 Allevatori con Giumente e Puledre alla longia
·34 carri, carrette, carriole, ceste, cestoni, panieri, ricostruiti d’epoca
·35 Cavalieri Giostranti

Corteo del quartiere Sant’ Antonio composto da:


·36 Gonfaloniere
·37 Capitano della Contrada a Cavallo
·38 Dama della Contrada a Cavallo
·39 Arti e Mestieri
·40 Allevatori con Giumente e Puledre alla longia
·41 carri, carrette, carriole, ceste, cestoni, panieri, ricostruiti d’epoca
·42 Cavalieri Giostranti

Art. 3

 

Organismi del Palio:

·43 Il Comitato Organizzatore del Palio;
·44 La Commissione esaminatrice figuranti ( 3 unità);

Art. 4

 

Organizzazione Corteo Storico del Gran Palio di San Filadelfo

Domenica antecedente il 10 di MAGGIO
Le truppe di Ruggero il Normanno ed i Coloni lombardi della Nobilissima Aleramica Adelaide del Vasto si accampano sul Monte Vecchio sulle rovine dell’antica Apollonia, nei pressi del Monastero Basiliano dedicato ai Santi Philadelphi, ove viene Celebrata la Messa di Benedizione del Palio, alla presenza dell’abate Gregorio e dei Monaci Basiliani. Le Contrade della Città partendo ognuna dalla propria chiesa di appartenenza si recano in corteo sul Monte Vecchio per accogliere il Gran Conte e l’Aleramica Adelaide. Giunte al Monastero le contrade accolgono i reggenti e li scortano sulla Roccaforte ove li attendono il Condottiero Roberto de’ Caldarera e la sua scorta. Sul Piazzale di San Nicolò avverrà la consegna delle chiavi della terra di San Filadelfo. Il Gran Conte e la Nobilissima Adelaide del Vasto doneranno alle genti di San Filadelfo il drappo del Palio ed al Condottiero Roberto de’ Caldarera il diploma con la promessa della nomina di Gran Tesoriere e direttore della Costruzione del “Castrum Sancti Philadelphi” quale dimora dei Cavalieri Lombardi e dei Coloni al loro seguito. Il Corteo infine condurrà il drappo presso la chiesa Madre per l’ostensione dello stesso.
11 Agosto
Le truppe di Ruggero il Normanno ed i Coloni lombardi della Nobilissima Aleramica Adelaide del Vasto si accampano sul Monte Vecchio sulle rovine dell’antica Alunzio, nei pressi del Monastero Basiliano dedicato ai Santi Philadelphi, ove viene Celebrata la Messa di Incoronazione del Gran Conte Ruggero e della Nobilissima Adelasia, alla presenza dell’abate Gregorio e dei Monaci Basiliani. I Quartieri della Città partendo ognuno dalla propria chiesa di appartenenza si recano in corteo alla Chiesa di Maria SS. Assunta e poi sul Monte Vecchio per accogliere il Gran Conte e l’Aleramica Adelasia. Presso il Santuario dei Tre Santi, si terrà la messa di incoronazione, al termine della funzione i Quartiere scortano il Gran Conte e la Nobilissima Adelasia in Piazza Convento ove li attende il Condottiero Roberto de’ Caldarera e la propria Dama. Il Gran Conte e la Nobilissima Adelasia del Vasto doneranno alle genti di San Filadelfo il drappo del Palio, che sarà posto in ostensione nella Chiesa Madre di Maria SS. Assunta.
“programma giorno 11 Agosto” che fa parte integrante delle allegate Linee guida.
12 Agosto
Le Contrade di San Filadelfo partendo ognuna dalla chiesa di riferimento si recano presso la chiesa Madre ove le attendono il Gran Conte e la Nobilissima Adealsia; giunte su Piazza Convento le Contrade, il Gran Conte e la Nobilissima Adelasia si dirigono verso Piazzale San Nicolò ove avverrà la consegna delle Chiavi della città al Gran Conte Ruggero, la donazione a Roberto de’ Caldarera della pergamena contenente la promessa della nomina di Gran tesoriere e direttore unico della costruzione del “Castrum Sancti Philadelphi” donato dalla Nobilissima Adelasia, quale dimora dei coloni e Cavalieri Lombardi insediatisi nella rifondata terra di San Filadelfo.
“programma giorno 12 Agosto” che fa parte integrante delle allegate Linee guida.
13 Agosto
Venerazione e Processione delle Sacre Reliquie dei Santi Philadelphi alla presenza del Conte Ruggero della Nobilissima Adelasia del Cavaliere Roberto de’ Caldarera, dei Capitani, delle Dame ed i Gonfaloni delle Contrade.
14 Agosto
Benedizione delle Contrade e dei Cavalieri Giostranti presso la Chiesa di Maria SS. Assunta,alla presenza del Gran Conte Ruggero, della Nobilissima Adelaide del Vasto, del Condottiero Roberto de’ Caldarera e dell’abate Gregorio, che si recheranno in Corteo sino in Contrada San Benedetto ove si Svolgerà la Giostra del Saraceno in onore del Gran Conte Ruggero e della Nobilissima Aleramica Adelasia del Vasto; presso lo Stadio Comunale Gagliani. Il Quartiere Vincitore Sfilerà per le Vie Cittadine in testa al corteo fino a Piazza Monumento, ove sul Balcone di Palazzo dell’Aquila sarà consegnata la Pergamena al Campione, e dove sarà esposta la Bandiera del Quartiere Vincitore fino al giorno 14 Settembre, data della fiera di San Benedetto il Moro.
Al termine della consegna il Palio sarà condotto dal Campione e dai contradaioli sino alla chiesa di appartenenza ove sarà conservato fino alla Domenica antecedente il 10 Maggio dell’anno successivo.

“programma giorno 14 Agosto” che fa parte integrante delle allegate Linee guida.

Art. 5

 

Selezione dei figuranti:

 
Le iscrizioni di tutti i figuranti saranno curate dal Comitato Organizzatore e dai Capitani delle Contrade. Un’apposita commissione, i cui nominativi verranno scelti e resi noti all’atto delle selezioni, procederà alla scelta di tutti i figuranti sopra citati. Per la selezione dell’Ancella, del Paggio e delle coppie di notabili che rappresentano il quartiere, alla commissione verrà aggregato il capitano di ogni singolo quartiere. L’età delle Ancelle deve essere compresa fra i 14 e i 40 anni non compiuti. L’età dei paggi deve essere compresa fra i 9 e i 12 anni. Non inferiore ai 18 anni, quella delle dame , dei notabili e di tutti i figuranti a cavallo; sono ammessi al Corteo Storico ed al Gran Palio solo ed esclusivamente Cavalli di Razza Sanfratellana.

Art. 5 bis

I figuranti di età inferiore ai 18 anni debbono essere autorizzati da chi esercita la patria potestà.

Art. 6

 

Coordinatori dei gruppi :

In tutti i Gruppi sarà presente un Coordinatore, al quale sono attribuiti responsabilità primarie per il corretto andamento della sfilata del gruppo stesso, che viene nominato e risponderà al Comitato Organizzatore del Palio. Tutti i dati dei figuranti di ogni corteo storico, sia a piedi che a cavallo, saranno raccolti dal Comitato Organizzatore.

Art. 7

 

Plotone dei Battistrada:

Al reclutamento del Plotone dei Tamburi Battistrada, provvederà il Corpo Musicale San Benedetto il Moro in collaborazione con i Quartieri coinvolti al Palio, assegnando minimo due unità ciascuno.

Art. 8

 

Rapporti con le associazioni :

Il Comitato Organizzatore stipula con le associazioni ed i quartieri coinvolti nel Palio apposita convenzione che regola i reciproci rapporti in relazione allo svolgimento del Palio di San Filadelfo, diritti, doveri e sanzioni in caso di inottemperanza.

Art. 9


I figuranti, qualunque sia il ruolo ricoperto, non possono fare uso di: occhiali, orologi, telefonini, sigarette, orecchini, bracciali, bibite varie ecc.. In caso di violazione del presente articolo, il figurante sarà immediatamente espulso dal corteo.

Art. 10

 

Abiti del Palio :

Gli abiti dei figuranti qualora non venissero forniti dal Comitato Organizzatore, ma siano di proprietà del quartiere, di privati o di altre associazioni, non potranno essere utilizzati nella manifestazione senza un parere di conformità rilasciato dal Comitato Organizzatore pena l’ espulsione immediata dal corteo.

Art. 11

 

Esibizioni :

Le esibizioni dei vari gruppi avranno luogo quale intrattenimento del pubblico in attesa della consegna delle chiavi e della giostra del saraceno, in ogni caso saranno vincolate da tempi prestabiliti e preventivamente concordati con il Coordinatore del Palio.

Art. 12


La partecipazione al Gran Palio di San Filadelfo deve ritenersi a titolo puramente gratuito.